fbpx

BOOLEBOX – COME PROTEGGERSI DAL DARK WEB? ECCO LE COSE DA SAPERE

Contenuto Sponsorizzato

VUOI RICEVERE VIA E-MAIL I PROSSIMI CONTENUTI DI RADIO IT?
mail Iscriviti alla nostra newsletter

Questo podcast è realizzato con la collaborazione di BooleBox: grazie al suo fondatore, Valerio pastore, abbiamo imparato un po’ di cose sul Dark Web (e sul Deep Web).

Dark Web, un mondo che riguarda tutti noi

La prima è stata una conferma: l’internet noto alla maggioranza delle persone, quello dove navighiamo ogni giorno, è solo la punta di un iceberg che, sott’acqua, nasconde un mondo molto più grande.

Un mondo pericoloso? Questa è una delle domande che abbiamo fatto a Valerio. Da quella siamo partiti per capire di più del Dark Web, e quindi per cercare di difenderci dalle insidie di quel mondo. Che, anche se non lo sappiamo, riguarda tutti noi.

Scopri nel podcast cosa ci ha detto Valerio Pastore, con i consigli su come comportarci.

dark web

Le domande di Radio IT a Valerio Pastore (BooleBox) sul Dark Web

1. Dunque, partiamo da un’immagine: l’iceberg, quella più diffusa, in base alla quale l’internet che conosciamo noi è la punta, e tutto quello che c’è sotto è il Dark Web. E’ un’immagine corretta?

Sicuramente è un paragone indovinato. Il mondo sommerso di internet, come la parte sommersa dell’iceberg, rimane nascosto a chi non ne conosce l’esistenza. Questo mondo si chiama in realtà Deep Web ed è composto dalle informazioni non indicizzate da Google e dagli altri motori di ricerca, e arriva con il suo sottoinsieme del Dark Web, completamente cifrato e accessibile con appositi software. Per accedere a questa parte crittografata bisogna utilizzare un motore di ricerca specifico: Tor. E’uno dei più conosciuti, che consente agli utenti l’accesso alle pagine con dominio “onion” mantenendo intatta la propria privacy, proprio per la presenza della crittografia. Paradossalmente, infatti, se non si vuole lasciar traccia di comunicazioni importanti, il metodo migliore è utilizzare proprio questo tipo di browser. Ovviamente c’è un rovescio della medaglia: chi usa questi strumenti lo fa per occultare attività criminali.

2. Il termine Dark Web evoca territori pericolosi: dobbiamo solo averne paura o in quel mondo si possono trovare opportunità positive?

Molti siti presenti nel Dark Web sono molto volatili, cioè hanno una vita e una durata molto breve. Un sito può durare due, tre giorni. Il rischio molto elevato è di essere truffati, ecco perché dico che solo chi conosce bene questo mondo e sa come muoversi riesce a limitare quel rischio. Nel Dark Web si possono comunque trovare siti legali, che si occupano o di criptovalute, o di notizie e informazioni che nel mondo “non sommerso” magari non trovi.

 

E poi nel podcast scoprirai…

.come funziona il browser per il dark web, Tor;
.i rischi di questo mondo, e come muoversi al suo interno in tutta sicurezza;
.la quantità di dati privati finiti nel dark web (milioni e milioni)
.gli strumenti, come BooleBox, con i quali difendersi da possibili danni .


Buon ascolto!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi rimanere aggiornato via e-mail?

Se inserisci nome ed e-mail in questi form,  riceverai direttamente nella tua casella i nuovi contenuti che caricheremo in RADIO IT.
Cliccando su “Invia” dichiari di aver letto e accettato l’Informativa Privacy.

Iscriviti ai canali podcast di RADIO IT

           

RadioIT Help Chat
Invia il messaggio