fbpx

NFON – ECCO COME LO SMART WORKING AIUTA LE DONNE

Contenuto sponsorizzato

 

Facebooktwitterlinkedintumblrmail

APPROFONDIMENTI

VUOI RICEVERE VIA E-MAIL I PROSSIMI CONTENUTI DI RADIO IT?
mail Iscriviti alla nostra newsletter

13 MAGGIO 2020 – Questo podcast di NFON è per tutte le donne che sono alle prese con lo smart working.

Donne e smart working: un quadro non positivo 

E sono tante, in questo lungo e complicato periodo cominciato agli inizi di marzo e, di fatto, ancora in corso. Perché la teoria dice che dal 4 maggio le restrizioni si sono allentate consentendo un timido rientro in ufficio, ma la pratica vede ancora quasi tutti in smart working. Certo, l’emergenza sanitaria è seria, non è conclusa e quindi è ragionevole non rischiare.

E però, lo smart working si sta affermando anche oltre l’emergenza, facendo provare concretamente ogni giorno i propri vantaggi. In particolare alla popolazione lavorativa femminile. E qui, facciamo una digressione con qualche numero.

donne e smart working

Donne e smart working: i numeri della disparità di genere

Allora: l’occupazione femminile è al 52%, il gap salariale è del 18% rispetto agli uomini, e quasi 2 donne con figli su 3 sono senza lavoro. Questa è l’Italia secondo l’ultima ricerca del  World Economic Forum sull’occupazione. Penultimi davanti solo alla Grecia (che ha il 48% di occupazione femminile) a fronte di una media europea del 66,5%. Se poi parliamo di figli, il gap con gli uomini cresce: media europea del 19% tra padri e madri occupate, Italia al 28,1%.

La situazione è doppiamente dannosa, in prima e diretta battuta per le donne, svilite nella propria personalità. In secondo luogo perché, secondo studi internazionali – tra cui uno del Fondo Monetario Internazionale – la piena occupazione femminile genererebbe più ricchezza: per ogni milione di lavoratrici, il PIL crescerebbe del 3%, Se il tasso di occupazione femminile raggiungesse quello maschile (il 70%) il PIL arriverebbe a crescere fino al 20%. Invece la “disparità economica di genere” – così la chiama l’FMI – è causa in Italia di una perdita di PIL del 15%.

Tutto questo nasce perché persistono vecchi stereotipi: l’accesso a posizioni di rilievo, il bisogno di conciliare tempi di vita privata e lavorativa: circa 1 mamma su 9 in Italia non ha mai lavorato, e il 38% dichiara di aver rinunciato a opportunità professionali per occuparsi di famiglia e figli). 

E poi nel podcast scoprirai …

… tutti i motivi e i numeri grazie ai quali lo smart working cambia e migliora la condizione delle donne sul lavoro.

Buon ascolto!

APPROFONDIMENTI

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi rimanere aggiornato via e-mail?

Se inserisci nome ed e-mail in questi form,  riceverai direttamente nella tua casella i nuovi contenuti che caricheremo in RADIO IT.
Cliccando su “Invia” dichiari di aver letto e accettato l’Informativa Privacy.

Iscriviti ai canali podcast di RADIO IT

           

RadioIT Help Chat
Invia il messaggio