fbpx

NFON – IMPOSTE E TASSE: COME PAGARNE MENO CON IL CENTRALINO VIRTUALE? 

Contenuto sponsorizzato

APPROFONDIMENTI

VUOI RICEVERE VIA E-MAIL I PROSSIMI CONTENUTI DI RADIO IT?
mail Iscriviti alla nostra newsletter

 Ciao. Il podcast di oggi è realizzato in collaborazione con NFON, ed è per tutti i titolari di imprese che hanno un desiderio preciso: pagare imposte.

Imposte e tasse: un cruccio di tutti

Ora, tutti noi – dipendenti, imprenditori, artigiani, artisti e anche gli sfaccendati – abbiamo il desiderio di pagare meno tasse possibili. Ma in questo caso, parliamo di un prodotto – anzi, più correttamente: di una funzionalità – che torna utile nelle imprese, di qualunque dimensione esse siano. Ed è per questo che ci rivolgiamo ai loro titolari, o a chi prende le decisioni su come tagliare alcuni costi. Perché è facile immaginare che costoro abbiano fatto più volte una telefonata come questa:

  • Pronto, dottor De Fiscalis?
  • Sì, sono io. Chi parla?
  • Sono Marchese, come sta?
  • Oh, Marchese, bene grazie. Tutto a posto in azienda? Come va con i chip per il mercato asiatico?
  • Guardi, va molto bene: c’è domanda, e la produzione è al massimo. Ma potrebbe andare meglio.
  • Beh certo, uno fa di tutto per ampliare il giro dei clienti…
  • No, dottore, non è quello. Andrebbe meglio se potessi pagare meno tasse. Sono troppe, tra contributi e accise e imposte e questo e quell’altro mi resta in mano niente. Non c’è proprio niente che si possa fare per limare qui e lì?
  • Marchese, io quel che posso farla scaricare, ovviamente nel confine del lecito, l’ho fatto: le ho consigliato anche il noleggio a lungo termine delle attrezzature informatiche, che è meglio del leasing… Però, forse una cosa in più da fare c’è.
  • Cosa, cosa?? Mi dica!!
  • Marchese, calma e dica lei a me: voi avete un centralino, vero? 
  • Certamente, come tutti.
  • Ecco. Ed è virtuale? 
  • Sì… cioè… no… voglio dire, risponde la voce registrata che ti dice “Schiaccia l’1 per la produzione, il 2 per l’amministrazione, attendi se vuoi parlare con l’operatore…
  • Ho capito. Insomma, non è un PBX?
  • Eh??
  • Bene, allora le dò un consiglio: prenda informazioni sul centralino virtuale, anzi scriva bene: Virtual o Cloud PBX. E poi ne riparliamo. La saluto
  • Grazie, dottor De Fiscalis, la richiamo presto.

imposte

Imposte e tasse: i plus del centralino virtuale

Marchese si informa, e scopre un sacco di cose utili. Anzitutto, scopre la comodità di avere il centralino in cloud, e non su hardware (li scopre anche perché ha ascoltato i podcast che Radio IT ha dedicato all’argomento, che sono tutti disponibili su Spreaker, sul canale NFON). Scopre che PBX significa Private Branch Exchange, e scopre che sempre più aziende li scelgono: uno studio condotto da Market Research Future, e intitolato Global Cloud for PBX Market Research Report- Forecast 2023, prevede che entro il 2023 il mercato dei centralini in Cloud varrà poco meno di 21 miliardi di dollari, con una crescita del 13% a partire dal 2017.

E poi, soprattutto, ne scopre i vantaggi fiscali, perché diversamente daun centralino tradizionale ISDN o analogico, la stipula del contratto di un centralino virtuale è quella del noleggio di un bene strumentale, e non di un acquisto. E le conseguenze sono felicemente importanti.

Imposte e tasse, gli oneri fiscali

Partiamo dagli oneri fiscali. Il Cloud PBX è un servizio in cui la componente hardware (vale a dire i telefoni con tecnologia SIP), ed ecco perché rientra tra i beni forniti con la formula del noleggio operativo, chiamato anche locazione operativa, leasing operativo o renting. Si tratta di una modalità che nel settore ICT è sempre più diffusa: come abbiamo visto, anche Marchese l’ha adottata su consiglio di De Fiscalis per dotarsi di computer, fotocopiatrici, stampanti e apparati di rete evitando di comprarli. Nella telefonia non è ancora così nota, ma la sua applicazione con i centralini virtuali è sostanzialmente identica. Il noleggio operativo ha questi vantaggi: 

– elimina gli oneri di ammortamento e di gestione dei cespiti aziendali
– rende totalmente deducibili ai fini IRES e IRAP, nonché detraibili per l’IVA, i canoni di noleggio. 

Ciò significa che tutto può essere dedotto per cassa, senza distinzione tra oneri finanziari e quota capitale. Ciò rende il noleggio operativo più conveniente anche del leasing, dove gli oneri finanziari sono separati e parzialmente deducibili, ma non detraibili ai fini IVA. E poi, nel leasing, alla fine del periodo concordato è previsto il riscatto del bene; nel centralino virtuale (o Cloud PBX, ricordiamolo) questo non accade: anche perché, trattandosi di una tecnologia soggetta a obsolescenza, acquistarla dopo qualche anno significherebbe mettersi in casa un prodotto ormai sorpassato. Meglio, invece, noleggiarne uno nuovo e aggiornato.

 A pensarci bene, poi, l’acquisto del centralino virtuale è una contraddizione in termini: non parliamo infatti di un oggetto, ma come dicevamo all’inizio del podcast di una funzione resa possibile da elementi architetturali collocati al di fuori dell’azienda che ne usufruisce. Non a caso uno dei nomi del centralino in Cloud è anche Hosted PBX. L’essere “ospitato” fa capire come l’utilizzo prevalga sul possesso. È da qui che si ricava la possibilità di ridurre la base imponibile, deducendo i costi relativi, e il minor gettito IVA, come indicato in precedenza. 

Imposte e tasse, i vantaggi finanziari

A questi vantaggi si aggiungono quelli finanziari. L’adozione di un Cloud PBX non richiede un impegno di risorse cospicue, con tutto quello che ne consegue. Nessuna iscrizione a bilancio, quindi, e neppure l’esigenza di coinvolgere un istituto di credito per l’intermediazione, cosa che si traduce in maggiore liquidità e in una migliore capacità di spesa e di investimento da destinare ad attività più strategiche per il core business aziendale. 

E ancora, parliamo dei costi occulti, come quelli di manutenzione e assistenza, che generalmente si manifestano quando gli impianti telefonici hanno dei problemi di malfunzionamento. Il noleggio operativo dei Virtual PBX evita sgradite sorprese, perché nel canone ricorrente sono compresi aggiornamenti, gestione e servizi di customer care. 

  • Pronto?
  • Dottor De Fiscalis, lei è un genio!!
  • Ma chi parla??
  • Sono Marchese, lei è un genio, e adesso io sento quelli di NFON e…

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi rimanere aggiornato via e-mail?

Se inserisci nome ed e-mail in questi form,  riceverai direttamente nella tua casella i nuovi contenuti che caricheremo in RADIO IT.
Cliccando su “Invia” dichiari di aver letto e accettato l’Informativa Privacy.

Iscriviti ai canali podcast di RADIO IT

           

RadioIT Help Chat
Invia il messaggio