fbpx

TECHMED – ECCO IMMUNI: COM’È E COME FUNZIONA

 

VUOI RICEVERE VIA E-MAIL I PROSSIMI CONTENUTI DI RADIO IT?
mail Iscriviti alla nostra newsletter

3 GIUGNO 2020 – In questo podcast ti racconto un po’ di dettagli su Immuni, l’app per il contact tracing che finalmente ora è scaricabile.

Infatti da lunedì 1 giugno gli store di Android e iOS (cioè Apple) ospitano l’app realizzata da 

Bending Spoons e promossa dal ministero della Salute per effettuare una delle tre T necessarie a contenere l’epidemia di Covid-19, cioè il tracciamento (o contact tracing). Immuni si può scaricare, ma non è operativa: prima bisognerà aspettare l’esito di una sperimentazione che partirà lunedì prossimo, 8 giugno, Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia, e che dovrebbe durare una settimana. 

Immuni: le condizioni per farla funzionare

Ma come ti dicevo, Immuni si può scaricare ma devi avere uno smartphone. Quindi se dovessi avere ancora un vecchio cellulare, quello che chiamavi telefonino, non riesci a scaricarla. 

Poi, il tuo smartphone deve avere un sistema operativo aggiornato. E cioè, se hai un iPhone, iOS deve essere pari o superiore alla versione 13.5. Se hai un altro telefono, Android deve essere pari o superiore alla versione 6 ( che si chiama Marshmallow, API 23).  Questo, te lo dico subito, può essere un problema perché non sono pochi quelli che hanno telefoni un po’ più vecchi e che, anche se provi ad aggiornarli, non supportano questi sistemi operativi. 

Se ti chiedi perché Immuni sia stata realizzata con queste specifiche, la risposta è che così vuole sistema di notifiche di esposizione al virus – che te lo ricordo, è stato messo a punto da Google e da Apple nell’ambito di un progetto collettivo per tracciamento del coronavirus.

In ogni caso, il sistema operativo del tuo telefono potrebbe non essere aggiornato, ma supportare l’upgrade per rendere effettiva l’app. Come lo scopri? in modo molto semplice: vai su sugli store di Apple o di Google, cerchi Immuni, clicchi “scarica” ed è lo stesso sistema a dirti di aggiornarlo. Un volta che l’hai fatto, scarichi e installi l’app senza problemi.

Immuni

Immuni: cosa succede quando la avvii

OK, quindi adesso hai Immuni sul tuo telefono. La avvii, e parte una serie di schermate molto sintetiche ma chiare che ti spiega come funziona e soprattutto il suo obiettivo: avvisare gli utenti se sono stati a stretto contatto con chi è risultato positivo al test e lo ha segnalato tramite l’app. Dopodiché ti viene chiesto di inserire due sole informazioni: la regione e la provincia dove vivi. Nient’altro.

E qui parliamo di privacy, perché è stata la questione sulla quale si è scatenato un dibattito molto acceso nelle settimane precedenti, da quando è stata data la notizia che ci sarebbe stata un’app di contact tracing. Come scrive Il Post, che ha seguito bene la vicenda dedicandole molti e chiari approfondimenti, quello sulla privacy “È un dibattito complicato, ancora in corso tra gli esperti di tecnologia e di trattamento dei dati personali su internet, ed è probabile che quelli che per ora sono dubbi e preoccupazioni verranno confermati o smentiti soltanto con la diffusione e l’utilizzo dell’app”.

E poi nel podcast scoprirai…

… il sistema di funzionamento dell’app e alcuni importanti considerazioni sulla privacy.

Buon ascolto!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi rimanere aggiornato via e-mail?

Se inserisci nome ed e-mail in questi form,  riceverai direttamente nella tua casella i nuovi contenuti che caricheremo in RADIO IT.
Cliccando su “Invia” dichiari di aver letto e accettato l’Informativa Privacy.

Iscriviti ai canali podcast di RADIO IT

           

RadioIT Help Chat
Invia il messaggio